Filtra per

Igp

Igp

Biologico

Biologico

Produttore

Produttore

Prezzo

Prezzo

  • 5,00 € - 46,00 €

Acquista online Aceto Balsamico di Modena IGP

Aceto Balsamico di Modena IGP

Acquista Aceto Balsamico di Modena IGP di qualità. L'aceto balsamico di Modena è caratterizzato dal suo colore marrone scuro e dal suo caratteristico sapore agrodolce.

Continua a leggere

Filtri attivi

Aceto balsamico di Modena IGP

L'Aceto Balsamico di Modena IGP è prodotto con mosto d'uva e aceto di vino maturato in botti di legno.

L'aceto balsamico di questa varietà è marrone scuro ed è caratterizzato dal suo caratteristico sapore agrodolce.

Proprio come il suo odore, è intenso e allo stesso tempo molto fine, duraturo e piacevole. Nella sua consistenza, l'aceto balsamico di Modena è tipicamente caratterizzato dalla sua alta densità e viscosità. Questo aceto balsamico è prodotto solo in Italia, più precisamente nelle città di Modena e Reggio Emilio e nelle due province circostanti con lo stesso nome.

Non esiste un “Balsamico di Modena” bianco o chiaro . Gli aceti balsamici bianchi e leggeri, come quelli sugli scaffali dei supermercati, non sono "Balsamico di Modena". Gli aceti di vino bianco e altri condimenti che si trovano sul mercato - ad esempio condimenti - e che talvolta portano il nome "Balsamico" non devono essere confusi con il vero Balsamico di Modena IGP o DOP: questo ha sempre un colore marrone scuro puro e brillante.

L'aceto balsamico di Modena IGP, a volte semplicemente chiamato "Balsamico di Modena", è sicuramente una delle specialità italiane più famose e più imitate nel mondo.

☝ Per assicurarsi che sia un vero aceto balsamico italiano, è necessario verificare se sulla bottiglia o sulla confezione sia presente un sigillo di approvazione IGP o DOP. Solo in questo caso si ha la certezza di avere una bottiglia di vero balsamico modenese.

Utilizzo in cucina

L'aceto balsamico di Modena è un condimento di altissima qualità e versatile, adattissimo ad innumerevoli piatti a base di carne, pesce e verdure, ma anche per dessert e gelati. Naturalmente è anche ideale per preparare condimenti per insalate e marinate.

Composizione e produzione dell'Aceto balsamico di Modena IGP

L'aceto balsamico di Modena IGP viene ottenuto da mosto di uve parzialmente fermentato e/o bollito e/o addensato (concentrato).

Solo le uve del vitigno Lambrusco, Sangiovese, Trebbiano, Albana, Ancellotta, Fortana e Montuni possono essere utilizzate per produrre il mosto.

☝ Almeno il 10% di aceto di vino e una uguale proporzione di aceto invecchiato almeno 10 anni vengono poi aggiunti al mosto.

Qual è la differenza tra Balsamico IGP e Balsamico Tradizionale ?

Proprietà del mosto

La percentuale di mosto d'uva all'inizio del processo di produzione deve essere almeno del 20% della quantità totale di tutti gli ingredienti utilizzati per produrre il prodotto finale "Aceto Balsamico di Modena IGP". Nel caso di qualità più elevate, il mosto può arrivare fino al 90%. Il mosto d'uva viene prima addensato fino a quando (misurato a una temperatura di 20° C)  ha una densità non inferiore a 1.240. Durante la lavorazione del mosto per l'Aceto Balsamico IGP, la cottura e l'ispessimento sono gli unici metodi consentiti; inoltre, il mosto utilizzato deve avere un acidità totale minima di 8 g/kg e un estratto secco netto di almeno 55 g/kg. Inoltre, le disposizioni a tutela dell'indicazione geografica “Aceto Balsamico di Modena IGP” consentono l'aggiunta di coloranti al caramello, fino ad un massimo del 2% del volume totale del prodotto finale. È vietata qualsiasi aggiunta di altre sostanze.

Arricchimento e raffinamento del Balsamico di Modena

Il processo classico di lenta fermentazione dell'acido acetico utilizzando colture selezionate di batteri dell'acido acetico viene utilizzato nella produzione di Aceto Balsamico di Modena IGP. I batteri vengono applicati sulla superficie del mosto o introdotti con un truciolo di legno.

Il primo è indicato come processo superficie o Orléans, il secondo come processo precedente chip.

La fase di miglioramento è seguita da quella di finitura. Entrambi i passaggi si svolgono in botti o vasche in legno prezioso (legno di quercia, castagno, gelso o ginepro).

☝ La durata minima per l'affinamento è di 60 giorni, per cui il momento è il punto di partenza in cui tutte le materie prime - miscelate nel rapporto corretto - vengono inviate per ulteriori elaborazioni.

Dopo la finitura, il prodotto intermedio viene sottoposto a un'analisi da parte di chimici degli alimenti e ad un test organolettico da parte di degustatori specializzati. Un aceto balsamico deve aver superato con successo questo ostacolo per ottenere il sigillo “Aceto Balsamico di Modena IGP”.

invecchiamento

Non appena termina la fase di affinamento di 60 giorni in botti di legno, è possibile far maturare l'Aceto Balsamico di Modena in botti per un ulteriore periodo.

☝ Se questo periodo di maturazione è superiore a tre anni , l'aceto balsamico finito può avere il nome aggiuntivo "invecchiato" (stagionato).

Packaging

L'Aceto Balsamico di Modena, prodotto secondo la procedura sopra descritta, può essere portato direttamente in vendita. Prima di ciò, è riempito in contenitori realizzati con materiali diversi e contenuti diversi. vasi comuni fatti di vetro, legno, ceramica o terracotta; le quantità di riempimento comuni sono 0,25; 0,5; 0,75 litri e 1, 2, 3 o 5 litri.

Sono ammessi anche contenitori più grandi in materiale plastico o composito; la quantità massima di riempimento è di 25 l. Per i clienti commerciali, la quantità minima di riempimento è di 5 litri per contenitori in vetro, legno, ceramica o terracotta e 2 litri per contenitori in plastica.

Etichettatura

Ogni etichetta è etichettata Aceto Balsamico di Modena con l'aggiunta Indicazione Geografica Protetta.

Se l'aceto balsamico è invecchiato da più di tre anni, sull'etichetta e sulla confezione potrebbe apparire l'aggiunta "Invecchiato". I produttori appartenenti al Consorzio di Tutela dell'Aceto di Balsamico IGP sono liberi di utilizzare il logo corrispondente sull'etichetta.

☝ D'altra parte, non è consentito aggiungere "Aceto Balsamico di Modena IGP" ad altri additivi diversi da quelli espressamente elencati nelle linee guida per la protezione di questa indicazione geografica - né in Forma di aggettivi qualitativi ancora per numeri. Ciò include anche additivi come extra, fine, scelto, selezionato, riserva, superiore, classico e altro.

Requisiti relativi all'area di produzione

Le norme relative alla produzione dell'Aceto Balsamico di Modena stabiliscono inoltre che la miscelazione degli ingredienti, nonché la loro lavorazione, finitura e/o la loro conservazione in contenitori di legno pregiato debbono aver luogo obbligatoriamente nelle province di Modena e Reggio Emilia. Tuttavia, il prodotto finale può anche essere imbottigliato al di fuori della sua area di origine.