Filtra per

Produttore

Produttore

Biologico

Biologico

Prezzo

Prezzo

  • 3,00 € - 8,00 €

Deliziose Olive 100% italiane

Sul nostro sito puoi acquistare deliziose olive italiane di ottima qualità delle varietà Taggiasca, Nocellara e Bella di Cerignola. Che siano verdi o nere, le nostre olive 100% italiane si caratterizzano per la loro polpa tenera e per il loro gusto pieno e fruttato.

Continua a leggere

Filtri attivi

Le nostre olive provengono da produttori di olio d'oliva italiani di fama mondiale come Quattrociocchi , Anfosso e Sommariva . Alcune delle olive qui presenti sono in salamoia in salamoia, altre sono in olio d'oliva. Si ha la preferenza per olive piccanti o leggermente aromatizzate con erbe oppure in salamoia? Prova le nostre olive con semi di finocchio, peperoncino, timo, alloro o rosmarino.

Come si utilizzano le olive in cucina?

Le olive in salamoia sono molto versatili per un loro utilizzo in cucina:

Un primo utilizzo è "a crudo", cioè non riscaldate:

  • Come antipasto: ovviamente sono particolarmente adatte a questo utilizzo le olive nere e le olive verdi non aromatizzate con nocciolo.
  • Come componente delle insalate, come ad esempio nella famosa "insalata di olive".

Olive italiane come antipasto con pane

Un altro utilizzo è "a caldo" come condimento su una pizza o su una bruschetta oppure come aggiunta piccante a piatti brasati e arrosti. Questo tipo di utilizzo ha una lunga tradizione nelle varie cucine del Mediterraneo, compresa quella italiana.

Bruschetta Italian appetizer

In alcune ricette italiane le olive sono addirittura un ingrediente irrinunciabile e quindi compaiono nel nome stesso del piatto: ad esempio, nella ricetta dell' "Agnello alle Olive Nere", un piatto tipico dell'Abruzzo che viene servito, per tradizione, soprattutto a Pasqua.

Quando si prepara l '"Agnello alle Olive Nere" e altri piatti di carne e pesce, assicurarsi sempre di aggiungere le olive alla fine della cottura e lasciar cuocere a fuoco lento per qualche minuto. In questo modo le olive manterranno il loro tipico gusto fruttato-piccante e non diventeranno amare.

L'ulivo: coltivazione e varietà

Olive tree Tuscany Italy

Le olive sono i frutti del vero ulivo (Olea europaea), un'antica pianta coltivata diffusa in tutto il Mediterraneo, ma anche nel Medio Oriente e nel Mar Nero.

Il suo antenato è l'ulivo selvatico, originario della stessa area da almeno 54.000 anni. Come a lungo ipotizzato, non vi fu introdotto solo dall'uomo. Ciò è dimostrato dalle foglie fossili di ulivo che i ricercatori hanno scoperto nei depositi di cenere sul vulcano Thera, sull'isola greca di Santorini. Mentre la pianta coltivata raggiunge un'altezza compresa tra 10 e 20 m, le forme selvatiche dell'ulivo di solito rimangono più basse e si presentano anche sotto forma di arbusto.

La coltivazione dell'ulivo può essere fatta risalire al IV millennio a.C.. A differenza della viticoltura (praticata quasi altrettanto a lungo), la ricerca sull'olivicoltura è iniziata molto tardi ed è ancora oggi solo agli inizi.

Fno a pochi decenni fa, le conoscenze rilevanti sulla coltivazione dell'olivo e sulle varietà erano in gran parte limitate agli stessi olivicoltori, che le tramandavano di generazione in generazione. Questi incrementavano il numero di piante per talea: a questo scopo vengono solitamente utilizzati germogli, la maggior parte dei quali derivano in gran numero dalla "ceppaia", il tronco sporgente degli ulivi più vecchi. Queste piantine vengono messe direttamente nel terreno, dove formano rapidamente radici, oppure innestate su ulivi selvatici. Nel corso dei secoli, questo tipo di propagazione o affinamento ha portato a numerose variazioni genetiche, localmente limitate, dell'ulivo. Queste costituiscono la base per le odierne varietà di olive, il cui numero è di circa 1000 nella sola regione mediterranea.

Varietà di olive italiane (cultivar)

La stragrande maggioranza delle varietà di olive viene coltivata solo in un'area geografica strettamente definita: una regione, una provincia o anche solo un distretto o un luogo. In Italia, dove si usa spesso il termine “cultivar”, si contano circa 280 varietà; solo dieci raggiungono la distribuzione sul territorio nazionale: da segnalare soprattutto Frantoio, Leccino, Maurino e Moraiolo. Queste ed altre cultivar devono il fatto di essere coltivate in tutta Italia, soprattutto, ai vivai olivicoli commerciali comparsi per la prima volta negli anni '70. Qui le giovani piante vengono coltivate e vendute agli olivicoltori.

Caratteristiche esterne delle singole varietà

Gli alberi delle singole varietà di ulivo differiscono tra loro per l'altezza e per la forma della chioma (stretta e crescente verso l'alto, più ampia o con i rami piegati verso il basso). Altre caratteristiche sono il vigore, il tempo di germoglio, la fioritura, l'allegagione e la maturazione oltre che la resistenza della pianta a malattie e parassiti. Questi ed altri fattori come il tipo di fertilizzazione (autoimpollinazione o impollinazione incrociata) e la resa, che per molte varietà oscilla ogni due anni, hanno un'influenza decisiva sulla distribuzione di una varietà. Se questa viene utilizzata come oliva da tavola o per la produzione di olio d'oliva (o entrambi) viene deciso dal frutto stesso.

Olive da tavola o olive da spremere?

Ma cosa distingue un'oliva da tavola, e quali requisiti debbono avere le olive per poter essere utilizzate per produrre l'olio extravergine di oliva ?

I criteri di selezione sono essenzialmente questi:

  • Il peso del singolo frutto: varia da 2 a 20 grammi, a seconda della varietà. In generale, più alto è il peso, più la varietà è adatta come oliva da tavola, anche se ci sono eccezioni, come la varietà Taggiasca (vedi sotto).
  • Il rapporto tra polpa e nocciolo: se è superiore a 5:1, la varietà è più adatta come oliva da tavola, se è inferiore a 4:1 la varietà è più adatta alla spremitura.
  • Il contenuto di olio: a seconda della varietà, questo può essere compreso tra il 18% e il 27%. Le varietà con un alto contenuto di olio sono logicamente preferite per la produzione di olio d'oliva.
  • Il metodo di raccolta, più precisamente l'idoneità alla raccolta con la tradizionale "bruciatura", semplicemente colpendo il tronco e i rami dell'albero. E'una valutazione he viene fatta per capire se le olive possono essere raccolte in questo modo senza essere danneggiate.

Così come avviene per l'uva, di cui alcuni vitigni sono utilizzabili sia come uva da tavola che nella produzione di vino, ci sono anche alcune varietà di olive italiane che sono adatte al consumo a tavola oltre che alla produzione di olio extravergine.

Di solito si tratta di varietà di medie dimensioni con un contenuto medio di olio.

Olive da tavola: varietà straordinaria...

Anche se il 90% di tutte le olive raccolte nel mondo viene utilizzato per la produzione di olio, c'è una sorprendente varietà, nel restante 10%, che viene utilizzata come olive da tavola

Chi, ad esempio avesse la possibilità di visitare lo stand di un fornitissimo olivicoltore al mercato settimanale, può facilmente convincersi di questo. I frutti dell'olivo offerti al consumo differiscono in realtà in modo significativo per dimensioni, forma e colore a seconda della varietà

La varietà dei colori per le olive completamente mature va dal bruno-rossastro al viola al nero; le olive verdi sono invece dei frutti raccolti acerbi.

La loro forma è sempre ellittica, ma la gamma che si può trovare varia da (quasi) tonda, a forma di uovo o allungata.

Attenzione, queste sono esclusivamente “olive da tavola”, ovvero olive da mangiare. Le varietà di olive italiane che vengono utilizzate per produrre l'olio d'oliva, le "olive da olio", d'altra parte, logicamente non si trovano nello stand di vendita al pubblico di un olivicoltore.

L'oliva è un frutto con nocciolo, simile alla ciliegia, alla prugna o alla pesca. A differenza di questi frutti, non è né dolce né commestibile così appena raccolta. Per renderle commestibili, le olive devono essere messe a bagno in acqua per alcuni giorni dopo la raccolta, affinchè la maggior parte delle sostanze amare vengono eliminate.

Inserting green olive water

A questo segue l'operazione di denocciolatura e/o la frantumazione e infine la marinatura in salamoia o l'immersione nell'olio d'oliva, a volte con l'aggiunta di erbe o spezie.

Di seguito presentiamo tre eccellenti olive da tavola italiane che a abbiamo in assortimento nel nostro negozio online.

Oliva taggiasca

Olive taggiasche nere e verdi Liguria Italia

La Taggiasca fornisce un buon esempio di oliva "a doppia funzione": a causa del suo alto contenuto di olio del 25-26%, i frutti di questa varietà a piena maturazione vanno dal marrone al violaceo, e sono eccellenti per la Spremitura. D'altra parte, sono anche molto utilizzate come olive da tavola grazie alla loro polpa estremamente aromatica, fruttata-dolce, e nonostante le loro piccole dimensioni: una singola oliva taggiasca pesa in media appena 3 grammi!

Questa varietà di olive di qualità a maturazione tardiva prende il nome dalla città di Taggia in Liguria: qui veniva coltivata una volta dai monaci dell'abbazia cistercense di Lérins andati sull'isola omonima, al largo di Cannes, nel sud della Francia.

Sebbene la Taggiasca abbia trovato il suo sviluppo nel corso dei secoli anche in altre regioni d'Italia, il centro principale della sua coltivazione è ancora la Liguria. È qui che sono di casa anche i due principali produttori liguri Anfosso e Sommariva, di cui abbiamo olive condite, olive taggiasche in salamoia e olio extravergine di oliva prodotto solo con olive taggiasche.

Oliva Nocellara

Le olive in salamoia di questa varietà a frutto grosso, disponibili sul nostro sito, provengono dal produttore Quattrociocchi, nel Lazio. La Nocellara è originariamente nativa in una regione completamente diversa d'Italia, precisamente in Sicilia, e ancora più precisamente nella Valle del Belice a ovest dell'isola. Il suo nome completo è quindi "Oliva Nocellara del Belice", con il quale è anche registrato come oliva a denominazione di origine protetta (DOP).

L'olio che se ne ricava, invece, può essere commercializzato come "Olio Valle del Belice DOP", purchè soddisfi i requisiti richiesti per la certificazione DOP. La Nocellara è quindi l'unica varietà di olive per la quale esiste un'indicazione di origine protetta, sia come oliva da tavola che come olio.

A proposito, entrambe sono caratterizzati dal loro gusto rotondo e fruttato, che ricorda i pomodori verdi, le mandorle e i carciofi.

Oliva Bella di Cerignola

Olive Bella di Cerignola Puglia Italia

Anche le olive di questa varietà, originaria della regione Puglia sono piuttosto grandi con una media di 11-18 g.

Sono facilmente riconoscibili per il loro sorprendente colore verde oliva chiaro e per le caratteristiche tacche longitudinali. La "Bella di Cerignola" è coltivata principalmente intorno al comune omonimo in provincia di Foggia, nel nord della regione.

Lì gode anche di una propria denominazione di origine sotto il nome "La Bella di Daunia DOP". Si tratta di una varietà molto antica le cui origini risalgono al XV secolo, al tempo dei sovrani spagnoli che si dice l'avessero portata con sé. Altre fonti suggeriscono la loro origine in epoca romana. L'oliva Bella di Cerignola, apprezzata per il suo sapore aspro, fruttato e la sua carnosità, viene commercializzata quasi esclusivamente in salamoia.

Olive biologiche italiane

Le olive biologiche provengono da coltivazione biologica controllata. Ormai da decenni, questo tipo di agricoltura sta godendo di un crescente apprezzamento tra produttori e consumatori in sempre più paesi, e tra questi oviamente anche l'Italia.

Le Olive Biologiche italiane sono riconoscibili (come tutti i prodotti dell'UE da coltivazione biologica controllata) dal sigillo UE per i prodotti biologici: questo marchio è ben visibile sulla confezione ed è rappresentato da una foglia stilizzata con la nervatura centrale e il bordo della foglia contrassegnato da una stella bianca su sfondo verde oliva.

olive biologiche italiane sigillo UE

Il cibo biologico che porta questo sigillo deve soddisfare diversi requisiti: in primo luogo la rinuncia completa a fertilizzanti minerali artificiali, pesticidi chimici per il controllo delle infestanti e dei parassiti, nonché all'ingegneria genetica

Anche il controllo dei parassiti viene effettuato biologicamente, ad esempio rilasciando alcuni insetti che divorano i parassiti, e non utilizzando pesticidi che risultano altamente tossici.

Requisiti speciali si applicano anche all' ulteriore lavorazione: non possono essere utilizzati coloranti artificiali o esaltatori di sapidità.

Se un'azienda produce lo stesso prodotto da frutti coltivati ​​sia da agricoltura convenzionale che biologico, la loro lavorazione deve essere eseguita in maniera completamente separata. Le olive biologiche vengono lavate, snocciolate e marinate separatamente dalle olive coltivate convenzionalmente.

Sintetizzando: le olive coltivate biologicamente sono salutari per te, buone per l'ambiente!